Angiorex
Condividi


CERCA FARMACI O MALATTIE O SINTOMI
  www.carloanibaldi.com
 

INDICE

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE
05.1 Proprietà farmacodinamiche
05.2 Proprietà farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilità
06.3 Periodo di validità
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -Inizio Pagina.

  Angiorex

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - Inizio Pagina.

Una capsula del peso di 310 mg contiene: Principi attivi: complesso antocianosidico del mirtillo al 36% di antocianosidi (Myrtocyan) 160 mg.Eccipienti: mannitolo 33 mg, lattosio 20 mg, metilcellulosa 10 mg, acido citrico 8 mg, silice precipitata 11 mg, magnesio stearato 8 mg.Eccipiente dell'involucro: gelatina 60 mg.

03.0 FORMA FARMACEUTICA - Inizio Pagina.

Capsule 160 mg. 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - Inizio Pagina.

04.1 Indicazioni terapeutiche - Inizio Pagina.

Stati di fragilità e alterata permeabilità dei capillari sanguigni.


Pubblicità

 


04.2 Posologia e modo di somministrazione - Inizio Pagina.

Capsule da 160 mg: 1-2 al giorno. 

04.3 Controindicazioni - Inizio Pagina.

Sensibilità individuale accertata verso il farmaco.¬†

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - Inizio Pagina.

L'impiego clinico non ha messo in evidenza la necessità di particolari cautele per l'uso dell'Angiorex.

Links sponsorizzati

 

04.5 Interazioni - Inizio Pagina.

Non sono mai stati segnalati fenomeni riferibili a interazioni con altre sostanze.

04.6 Gravidanza e allattamento - Inizio Pagina.

L'Angiorex può essere somministrato in caso di gravidanza e durante l'allattamento.¬†

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine - Inizio Pagina.

Non sono noti effetti negativi sulla capacità di guidare e sull'uso di macchine.

04.8 Effetti indesiderati - Inizio Pagina.

L'Angiorex presenta ottima tollerabilità e mancanza di effetti collaterali indesiderati.

Links sponsorizzati

 

04.9 Sovradosaggio - Inizio Pagina.

In letteratura non sono stati segnalati casi di sovradosaggio.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE - Inizio Pagina.

05.1 Proprietà farmacodinamiche - Inizio Pagina.

Gli antocianosidi del mirtillo prevengono l'aumento di permeabilità capillare sperimentalmente provocato sia nel ratto che nel coniglio; inoltre nel ratto con resistenza capillare ridotta da dieta carente, essi esplicano una intensa attività vasoprottetrice.
Tale attività appare riconducibile ai seguenti meccanismi:gli antocianosidi come tali e/o i loro agluconi formano legami fisico-chimici con i fosfolipidi delle membrane endoteliali, rafforzandole;gli antocianosidi stimolano la biosintesi di alcune componenti della sostanza fondamentale del connettivo, in particolare del manicotto mucopolisaccaridico pericapillare, e in vitro, la sintesi proteica delle cellule endoteliali: da qui un aumento della resistenza capillare e la capacità di riparazione dell'endotelio.
Per queste ragioni gli antocianosidi trovano applicazione nella patologia capillare primitiva o secondaria a malattie sistemiche quali diabete, arteriosclerosi, ipertensione arteriosa, turbe del circolo venoso superficiale e profondo, turbe della circolazione venosa in corso di gravidanza ed infine in oftalmologia per l'effetto sulla rete vascolare della retina.
Sempre in oftalmologia gli antocianosidi vengono impiegati per la loro azione sulla sintesi del pigmento retinico.
Gli antocianosidi del mirtillo esplicano attività antiinfiammatoria nei test classici degli edemi alla zampa del ratto e dell'eritema da raggi U.V.
nella cavia.
Gli antocianosidi del mirtillo manifestano proprietà epitelioriparatrice nelle ulcere gastriche.
Tale attività, in senso sia preventivo che curativo, è stata osservata nelle ulcere da reserpina, da legatura del piloro, da acido acetico, da fenilbutazone e da contenzione.
Le proprietà cicatrizzanti degli antocianosidi accelerano la guarigione delle ferite cutanee sperimentali nel ratto.

Links sponsorizzati

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche - Inizio Pagina.

La somministrazione di antocianosidi del mirtillo per via endovenosa o intraperitoneale al ratto dà luogo ad una rapida distribuzione del farmaco nei vari distretti corporei, seguita da un processo di eliminazione che segue lo schema del modello farmacocinetico a tre compartimenti.L'eliminazione degli antocianosidi avviene prevalentemente tramite le urine e la bile.La modesta differenza tra la quantità di antocianosidi eliminati dopo somministrazione endovenosa e intraperitoneale, depone per una ridotta captazione di tali sostanze da parte del parenchima epatico.
Maggiore risulta invece l'affinità degli antocianosidi per altri organi, tra cui principalmente il rene e la cute.
Questo fenomeno può spiegare la protratta attività degli antocianosidi sulla resistenza capillare, anche quando non sono più documentabili significativi livelli plasmatici.¬†

05.3 Dati preclinici di sicurezza - Inizio Pagina.

Le prove di tossicità acuta, subacuta e cronica condotte per varie vie in diverse specie animali hanno posto in evidenza la scarsa tossicità del Myrtocyan: in particolare, trattamenti cronici di 6 mesi effettuati per via orale con dosi pari a 320 mg/kg/die nel cane e 500 mg/kg/die nel ratto non hanno evidenziato sintomi di tossicità a carico dei singoli organi n√© modificazioni significative di tutti i parametri esaminati.Le ricerche sperimentali di tossicità fetale condotte nel ratto e nel coniglio non hanno evidenziato effetti teratogeni.Le prove di mutagenesi hanno dato esito negativo.¬†

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - Inizio Pagina.

06.1 Eccipienti - Inizio Pagina.

Mannitolo 33 mg, lattosio 20 mg, acido citrico 8 mg, silice precipitata 11 mg, magnesio stearato 8 mg. 

06.2 Incompatibilità - Inizio Pagina.

Nessuna per quanto noto. 

06.3 Periodo di validità - Inizio Pagina.

5 anni.La data di scadenza si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato. 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - Inizio Pagina.

Nessuna speciale precauzione è prevista per la conservazione del prodotto.¬†

06.5 Natura e contenuto della confezione - Inizio Pagina.

Capsule opercolate, incolori autobloccanti, formato 2, confezionate in blister di alluminio/PVDC-PVC/PVDC e scatola di cartone.Confezione di 20 capsule da 160 mg  

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - Inizio Pagina.

----- 

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - Inizio Pagina.

LAMPUGNANI FARMACEUTICI S.p.A.Via Gramsci, 4 - 20014 Nerviano (MI)Officina di produzione: Inverni della Beffa S.p.A.
(Gruppo Synthelabo)Via Rivoltana, 35 - Limito (MI)

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - Inizio Pagina.

Capsule 160 mg AIC n.
027222013In commercio dal 1991. 

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - Inizio Pagina.

Da vendersi senza presentazione di ricetta medica. 

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - Inizio Pagina.

----- 

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - Inizio Pagina.

Farmaco non soggetto al DPR 309/90. 

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - Inizio Pagina.