Antigreg
Condividi


CERCA FARMACI O MALATTIE O SINTOMI
  www.carloanibaldi.com
 

INDICE

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE
05.1 Proprietà farmacodinamiche
05.2 Proprietà farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilità
06.3 Periodo di validità
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -Inizio Pagina

ANTIGREG


02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - Inizio Pagina

Una compressa rivestita contiene: ticlopidina cloridrato 0,250 g .

Eccipienti: amido 55 mg; cellulosa microcristallina 40 mg; magnesio stearato 2,5 mg; idrossipropilcellulosa 3 mg; biossido di titanio 0,5 mg; polietilenglicole 6000 0,8 mg.


03.0 FORMA FARMACEUTICA - Inizio Pagina

Compresse rivestite con film.


04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - Inizio Pagina

04.1 Indicazioni terapeutiche - Inizio Pagina

Antigreg è indicato nella prevenzione secondaria di eventi occlusivi che determinano una scarsa irrorazione del sangue a livello dei vasi, del cervello e del cuore in pazienti a rischio per la possibile formazione di un coagulo che dia luogo ad una occlusione totale (arteriopatia obliterante periferica, pregresso infarto del miocardio, pregressi attacchi ischemici transitori ricorrenti, ictus cerebrale ischemico, angina instabile). In pazienti con pregresso infarto miocardico e con pregressi attacchi ischemici transitori l’uso di Antigreg dovrebbe essere riservato a quei pazienti che non tollerano l’acido acetilsalicilico o nei quali esso è risultato inefficace. Antigreg è inoltre indicato: nella prevenzione della riocclusione dei by-pass aorto-coronarici, nella circolazione extra-corporea, nella emodialisi e nella trombosi della vena centrale della retina.

Condizioni d’impiego: i medici sono invitati ad usare il prodotto solo nei casi relativi alla patologia sopra indicata eseguendo i controlli indicati nelle “Avvertenze” e rispettando attentamente le controindicazioni.



Pubblicità

 


04.2 Posologia e modo di somministrazione - Inizio Pagina

La posologia consigliata per la terapia a lungo termine è di 1-2 compresse al giorno da assumersi durante i pasti.


04.3 Controindicazioni - Inizio Pagina

Ipersensibilità nota verso la ticlopidina.

Il farmaco è controindicato nei soggetti che presentino od abbiano presentato leucopenia, piastrinopenia od agranulocitosi.

Diatesi emorragiche ed emopatie che comportano un allungamento del tempo di sanguinamento.

Lesioni organiche suscettibili di sanguinamento (ulcere dell’apparato gastrointestinale, varici esofagee ecc.).

Accidenti vascolari cerebrali emorragici in fase acuta.

Epatopatie gravi.

Va categoricamente escluso l’impiego della ticlopidina nella prevenzione primaria nei soggetti clinicamente sani.


04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - Inizio Pagina

E’ necessario prima di iniziare la terapia ed ogni 15 giorni durante i primi tre mesi di trattamento, effettuare un controllo quindicinale della crasi ematica, con particolare riguardo alla conta dei globuli bianchi e delle piastrine.

Qualora durante il trattamento insorgano faringite, ulcerazioni della mucosa buccale, angina, febbre, sanguinamenti od ematomi, deve essere immediatamente sospesa l’assunzione del farmaco ed informato il medico curante; l’eventuale ripresa della terapia è subordinata all’esito di un controllo urgente della crasi ematica ed alla valutazione clinica.

Prima di un intervento chirurgico sospendere il trattamento per una settimana (tranne nei casi in cui non sia espressamente richiesta un’attività antitrombotica) in considerazione del rischio emorragico indotto dal farmaco; dopo la sospensione della terapia è consigliabile valutare l’eventuale persistenza dell’effetto sull’emostasi (tempo di sanguinamento) prima di procedere all’intervento.

In caso di estrazione dentaria, informare il medico del trattamento in corso.


Links sponsorizzati

 

04.5 Interazioni - Inizio Pagina

Poiché la ticlopidina induce un allungamento del tempo di sanguinamento, deve essere evitata la sua associazione con antinfiammatori non steroidei (acido acetisalicilico, ecc.), con anticoagulanti (eparina, anti-vitamina K, ecc.) e con altri antiaggreganti piastrinici.

Deve essere inoltre evitata l’associazione con altri farmaci potenzialmente mielotossici (ad esempio nifedipina).


04.6 Gravidanza e allattamento - Inizio Pagina

E’ sconsigliato l’uso del prodotto in gravidanza e durante l’allattamento.


04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine - Inizio Pagina

Antigreg non interferisce sulla capacità di guidare nè sull’uso di macchine.


04.8 Effetti indesiderati - Inizio Pagina

Sono stati osservati, in corso di trattamento con ticlopidina:

manifestazioni emorragiche;

turbe della crasi ematica: leucopenia, piastrinopenia, agranulocitosi, aplasia midollare (particolarmente gravi nei soggetti anziani); disturbi gastrointestinali (nausea, dolori gastrici, diarrea);

aumento delle transaminasi e, raramente, ittero colostatico (è pertanto consigliabile eseguire durante il trattamento periodici controlli della funzione epatica);

eruzioni cutanee su base allergica, reversibili con l’interruzione del trattamento;

vertigini;

porpora trombotica, trombocitopenica.

In qualche caso è stata segnalata, durante il trattamento con ticlopidina la comparsa di leucopenia od agranulocitosi, talvolta anche ad esito irreversibile: pertanto il farmaco deve essere impiegato solo nei casi in cui esso è insostituibile.


Links sponsorizzati

 

04.9 Sovradosaggio - Inizio Pagina

A tutt’oggi non sono stati segnalati casi di sovradosaggio della sostanza. In caso di assunzione accidentale di dosi elevate è consigliabile la messa in atto delle misure terapeutiche urgenti indicate per le intossicazioni accidentali (lavanda gastrica, ecc.).


05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE - Inizio Pagina

05.1 Proprietà farmacodinamiche - Inizio Pagina

La ticlopidina appartiene alla classe delle tienopiridine ed è dotata di peculiare attività antitrombotica, in quanto diminuisce l’adesività piastrinica, inibisce l’aggregazione piastrinica (indotta da ADP, collagene, trombina ed endoperossidi), stimola la disaggregazione piastrinica, diminuisce l’iperaggregabilità eritrocitaria (indotta da protamina solfato), migliora la capacità degli eritrociti di modificare la propria forma (filtrabilità).


Links sponsorizzati

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche - Inizio Pagina

Dopo la somministrazione di una dose unica di ticlopidina per via orale (250 o 500 mg) la massima concentrazione plasmatica del principio attivo è raggiunta alla 2° ora ed il farmaco viene quasi completamente eliminato dal torrente circolatorio otto ore dall’inizio del trattamento; alle dosi terapeutiche l’inibizione dell’aggregazione piastrinica indotta dalla ticlopidina diviene significativa dopo 24-48 ore dall’inzio del trattamento; l’effetto massimo viene raggiunto in 5° - 6° giornata e scompare 5-6 giorni dopo la sospensione della terapia.

La somministrazione nell’animale da esperimento (ratto) di ticlopidina marcata C14 per via orale a dosi di 25 mg/Kg ha evidenziato che il prodotto viene eliminato per circa il 70% attraverso la via biliare e per il 30% attraverso l’emuntorio renale.


05.3 Dati preclinici di sicurezza - Inizio Pagina

La valutazione della tossicità della ticlopidina è stata eseguita sul ratto e sul topo.

Le vie di somministrazione impiegate sono state quella orale ed endovenosa per il ratto, orale e intraperitoneale per il topo.

La DL50 nel ratto è stata rispettivamente 1400 ± 220 mg/Kg per via orale e 60,6 ± 8,6 mg/Kg per via venosa.

La DL50 nel topo è risultata rispettivamente 630 ± 87 mg/Kg per via orale e 123 ± 37 mg/Kg per via intraperitoneale.


06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - Inizio Pagina

06.1 Eccipienti - Inizio Pagina

Amido di mais, cellulosa microcristallina, magnesio stearato, idrossipropilcellulosa, biossido di titanio, polietilenglicole 6000.


06.2 Incompatibilità - Inizio Pagina

Non note.


06.3 Periodo di validità - Inizio Pagina

5 anni in confezionamento integro, correttamente conservato.


06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - Inizio Pagina

Conservare a temperatura non superiore a 25°C


06.5 Natura e contenuto della confezione - Inizio Pagina

Blister in accoppiato alluminio/PVC opaco.

Astuccio da 30 compresse da 250 mg.


06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - Inizio Pagina

-----


07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - Inizio Pagina

Vecchi & C. Piam s.a.p.a. - Via Padre G. Semeria, 5 - 16131 - GENOVA


08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - Inizio Pagina

Cod. AIC 025220029


09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - Inizio Pagina

01/06/2005


10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - Inizio Pagina

03/04/2007