Dea
Condividi


CERCA FARMACI O MALATTIE O SINTOMI
  www.carloanibaldi.com
 

INDICE

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE
05.1 Proprietà farmacodinamiche
05.2 Proprietà farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilità
06.3 Periodo di validità
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -Inizio Pagina

DEA


02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - Inizio Pagina

Una compressa contiene:

Principio attivo

Dietilaminoetil-destrano cloridrato mg 1000.

Eccipienti: talco mg 15; silice colloidale mg 10; magnesio steareato mg 25; titanio biossido mg 1; idrossipropilmetilcellulosa mg 20.


03.0 FORMA FARMACEUTICA - Inizio Pagina

Compresse.


04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - Inizio Pagina

04.1 Indicazioni terapeutiche - Inizio Pagina

Il Dea è indicato nelle ipercolesterolemie primarie e nella ipercolesterolemia associata a ipertrigliceridemia quando la prima rappresenta il maggior problema terapeutico, in tutti i casi che non rispondono al solo trattamento dietetico.



Pubblicità

 


04.2 Posologia e modo di somministrazione - Inizio Pagina

Salvo diversa prescrizione medica, 2-3 compresse al giorno per via orale da somministrare prima dei pasti principali.


04.3 Controindicazioni - Inizio Pagina

È controindicato negli individui che presentano occlusione, anche parziale, delle vie biliari. Ipersensibilità individuale accertata verso i componenti o sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico.


04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - Inizio Pagina

Non sono mai stati segnalati casi di assuefazione e/o di dipendenza dal farmaco.

Non esistono speciali precauzioni per l'uso del prodotto.

Tenere fuori dalla portata dei bambini.

Durante l'assunzione del farmaco si può verificare una riduzione dei livelli plasmatici di acido folico e un aumento della SGPT.


Links sponsorizzati

 

04.5 Interazioni - Inizio Pagina

Tutte le resine a scambio ionico possono interferire con l'assorbimento intestinale di molti farmaci, in particolare con quelli che a livello intestinale assumono carica elettrica negativa. Per questo si consiglia di posticipare la somministrazione di altri farmaci dopo qualche ora di distanza dall'assunzione di Dea.

La somministrazione del farmaco in soggetti digitalizzati non ha portato variazioni significative dei livelli di digossina.


04.6 Gravidanza e allattamento - Inizio Pagina

Non è stata accertata la sicurezza d'impiego in corso di gravidanza o di allattamento, pertanto si sconsiglia l'uso del prodotto in queste condizioni.


04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine - Inizio Pagina

Il farmaco non riduce la concentrazione né provoca sonnolenza nei pazienti in trattamento.


04.8 Effetti indesiderati - Inizio Pagina

Possono comparire fenomeni transitori di costipazione, facilmente controllabili con trattamento sintomatico, e inappetenza.


Links sponsorizzati

 

04.9 Sovradosaggio - Inizio Pagina

Non sono riportati in letteratura effetti tossici da sovradosaggio.


05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE - Inizio Pagina

05.1 Proprietà farmacodinamiche - Inizio Pagina

Dea è una specialità medicinale per uso orale ad attività ipocolesterolemizzante ed ipotrigliceridemizzante a base di principio attivo dietilamino etil destrano (Deae-D).

Il Deae-Destrano è una grossa molecola policationica ad alto peso molecolare che non viene modificata dagli enzimi gastrointestinali.

L'attività del Deae-Destrano si esplica attraverso meccanismi concomitanti. Da una parte Deae-Destrano dopo aver raggiunto immodificato l'intestino a divello digiuno-ileale, esplica la sua azione all'interno del lume intestinale mediante la formazione di legami con gli acidi biliari, dando luogo a micelle insolubili e non assorbibili che vengono eliminate con le feci. Il sequestro degli acidi biliari impedisce il riassorbimento intestinale ed il loro ritorno venoso portale al fegato, favorendo: processi, altrimenti inibiti dagli acidi biliari, di idrossilazione microsomiale che catalizzano la tappa metabolica di conversione del colesterolo in acidi biliari ed aumentando la velocità di utilizzazione epatica del colesterolo. La riduzione degli acidi biliari comporta inoltre una riduzione dell'attività emulsionante sui grassi alimentari, con conseguente minor assorbimento lipidico. Deae-Destrano esplica la sua attività nei confronti del colesterolo veicolato dalle LDL e VLDL che rappresentano le porzioni che determinano la formazione dell'ateroma, mentre non influenza i valori del colesterolo HDL che esplica invece azione di protezione rispetto al processo ateromatoso.


Links sponsorizzati

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche - Inizio Pagina

Il Dea è una resina idrosolubile ad alto peso molecolare, non assorbibile a livello gastro-intestinale e completamente eliminata con le feci.


05.3 Dati preclinici di sicurezza - Inizio Pagina

Nel ratto non si hanno casi di morte né articolare sintomatologia tossica dopo l'assunzione per os di dosi fino a 5 g/kg e per via endoperitoneale per dosi fino a 1 g/kg.

Nel topo maschio per via endoperitoneale la DL50 è pari a 965 mg/kg (730-1300), nel topo femmina, sempre per via intraperitoneale di 1490 mg/kg (1070-2150).

Nel coniglio per via endovenosa dosi fino a 50 mg/kg non provocano casi di morte né intomatologia tossica apprezzabile. In esperimenti di tossicità e tollerabilità croniche per 90 giorni per somministrazione orale, il Deae-Destrano risulta ben tollerato per dosi quotidiane fino a 447 mg/kg (cane) e fino a 1000 mg/kg (ratto). Il Deae-Destrano ha dimostrato di non avere azione teratogena per via orale nel coniglio fino a dosi di 1000 mg/kg e nel ratto fino a 500 mg/kg. Nell'esame istologico degli organi e dei visceri non sono state rilevate alterazioni di rilievo.


06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - Inizio Pagina

06.1 Eccipienti - Inizio Pagina

Talco, silice colloidale, magnesio stearato, titanio biossido, idrossipropilmetilcellulosa.


06.2 Incompatibilità - Inizio Pagina

Nessuna.


06.3 Periodo di validità - Inizio Pagina

36 mesi a confezionamento integro, correttamente conservato.


06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - Inizio Pagina

Il farmaco non richiede particolari precauzioni per la conservazione.


06.5 Natura e contenuto della confezione - Inizio Pagina

Astuccio da 25 compresse divisibili da 1 gr, in blister.


06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - Inizio Pagina

Uso orale.


07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - Inizio Pagina

BIOPROGRESS S.p.A.

Via Aurelia n. 58 - Roma


08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - Inizio Pagina

AIC n. 032103018


09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - Inizio Pagina

Data prima autorizzazione 18.10.1999


10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - Inizio Pagina

Non soggetto al DPR 309/90