Decafar
Condividi


CERCA FARMACI O MALATTIE O SINTOMI
  www.carloanibaldi.com
 

INDICE

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE
05.1 Proprietà farmacodinamiche
05.2 Proprietà farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilità
06.3 Periodo di validità
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -Inizio Pagina

DECAFAR


02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - Inizio Pagina

Flaconcini

Ogni flaconcino contiene

Principio attivo :
Ubidecarenone 50 mg
Altri componenti (nel tappo)
Lattosio 89 mg
Polivinilpirrolidone 10 mg
Sodio laurilsolfato 1 mg
Altri componenti (in soluzione)
Sorbitolo 1200 mg
Glicerina 500 mg
P-idrossibenzoato di metile 15 mg
P-idrossibenzoato di propile 2 mg
Essenza di Albicocca 50 mg
Acqua deionizzata 8800 mg

03.0 FORMA FARMACEUTICA - Inizio Pagina

Flaconcini per uso orale


04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - Inizio Pagina

04.1 Indicazioni terapeutiche - Inizio Pagina

Deficienze del Coenzima Q10 ed alterazioni del metabolismo del miocardio in cardiopatie acute e croniche.



Pubblicità

 


04.2 Posologia e modo di somministrazione - Inizio Pagina

1 flaconcino dopo i pasti, salvo diversa prescrizione medica.


04.3 Controindicazioni - Inizio Pagina

Ipersensibilità individuale accertata verso il farmaco.


04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - Inizio Pagina

Conservare a temperatura ambiente ed al riparo dalla luce.

Il prodotto va somministrato sotto il controllo del medico.

Tenere fuori dalla portata dei bambini.


Links sponsorizzati

 

04.5 Interazioni - Inizio Pagina

Non note.


04.6 Gravidanza e allattamento - Inizio Pagina

Anche se gli studi teratologici con Decafar sugli animali non hanno evidenziato alcun effetto teratogeno, tuttavia come per gli altri farmaci, la sua somministrazione nel corso dei primi tre mesi di gravidanza, va effettuata solo in caso di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del medico.


04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine - Inizio Pagina

Non noti.


04.8 Effetti indesiderati - Inizio Pagina

Il farmaco è generalmente ben tollerato ; sono stati talvolta segnalati, durante il trattamento, disturbi gastrici, anoressia, nausea, diarrea.

Raramente sono state segnalate eruzioni cutanee. In caso di comparsa di tali effetti, è necessario interrompere il trattamento e consultare il medico curante.

Comunicare  al  medico  curante  o  al  farmacista   l'eventuale insorgenza  di effetti indesiderati, non descritti  nel  presente foglio illustrativo.


Links sponsorizzati

 

04.9 Sovradosaggio - Inizio Pagina

In letteratura non sono stati descritti casi di iperdosaggio.


05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE - Inizio Pagina

05.1 Proprietà farmacodinamiche - Inizio Pagina

L’Ubidecarenone (ubichinone, Coenzima Q 10) è una sostanza chimicamente definita come 2,3-dimetossi-5-nìetll-6-decapreniI benzochinone, particolarmente abbondante nel mitocondri dei miocardio.

Si tratta di un Coenzima che svolge un importante ruolo nella catena respiratoria mitocondriale. La somministrazione di Ubidecarenone per via orale può riportare alla norma i tassi di Coenzima Q10 lo nei tessuti carenti, con ripristino delle funzioni compromesse.

L'Ubidecarenone è quindi un farmaco particolarmente, indicato nel trattamento delle alterazioni metaboliche e funzionali del miocardio.

L’Ubidecarenone è stato inoltre impiegato nel trattamento delle miopatie ed encefalomiopatie mitocondriali (sindrome di Kearns-Sayre, MERRF, MELAS) e delle distrofie muscolari in cui si rileva una alterazione della funzionalità dei complessi I e III  della catena respiratoria mitocondriale.


Links sponsorizzati

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche - Inizio Pagina

L’Ubidecarenone, dopo somministrazione orale, viene assorbito prevalentemente tramite il sistema linfatico. Nell'uomo la concentrazione ematica di Ubidecarenone, dopo somministrazione orale di una dose carico, raggiunge il picco massimo tra la quarta e la sesta ora, dopo 24 ore si ha un picco secondario probabilmente dovuto ad un ricircolo enteroepatico. Il tempo di emivita plasmatica è stato studiato nei ratti e nei conigli mediante somministrazione endovenosa di Ubidecarenone marcato, alla dose di 0,6 mg/kg. Dalla curva bioesponenziale che è stata ricavata è risultato che il tempo di emivita è di 1,2 ore nel ratto e 6,5 coniglio nella fase veloce e di 17,8 ore nel ratto e 2 1,7 ore nel coniglio nella fase lenta. Dopo somministrazione orale, l’Ubidecarenone si distribuisce in concentrazioni elevate nel fegato, nel cuore, nel rene, nei polmoni e, in misura minore, negli altri organi. Nelle cellule, i livelli più elevati di Ubidecarenone si riscontrano nella frazione mitocondriale, A seguito di somministrazione orale, dopo 7 giorni, l'escrezione per via fecale è pari all'85-90%, per via urinaria è pari al 2-31%.

Nell'uomo i livelli plasmatici basali presentano valori medi di 0,85 mcg/ml.

La somministrazione di Ubidecarenone esogeno eleva significativamente i livelli plasmatici di Ubidecarenone endogeno. Infatti, al settimo giorno di trattamento, verosimilmente in una situazione di "steady state", i livelli plasmatici medi risultano essere di 1,80 mcg/ml.


05.3 Dati preclinici di sicurezza - Inizio Pagina

Tossicità acuta :

Decafar, somministrato per os in topi, ratti e cani presenta una tossicità molto bassa; non determina, infatti, effetti letali o tossici a 24 ore ed a 7 giorni dalla somministrazione di dosi singole superiori a 12.000-24.000 volte la dose terapeutica umana singola pro kg di peso (DTS), mentre la DL50 per via parenterale è elevatissima: topo 379,9 mg/kg (limiti fiduciali 330,8-434), ratto 253,5 mg/kg (limiti fiduciali 291,7-428,5)

Tossicità subacuta :

Decafar risulta ben tollerato nel ratto e nel cane anche quando viene somministrato per os per 30 giorni consecutivi, alla d di 400 mg/Kg/die. Non determina né casi di morte né alcun effetto tossico sistemico a carico dell'intima struttura dei singoli organi e delle loro funzioni.

Tossicità cronica :

Decafar, somministrato nel ratto e nel cane per 180 giorni a dosi/kg/die pari a 1.600 volte la dose terapeutica umana massima pro kg e pro die (Dtd), non ha determinato alcun caso di morte né alcun segno di tossicità, né alcuna significativa modificazione di tutti i parametri esaminati.

Tossicità fetale :

Le ricerche sperimentali di tossicità fetale hanno mostrato che Decafar, somministrato nel ratto e nel coniglio a dosaggi di 100-200-400 mg/Kg/die, non modifica in alcun modo la fertilità ed il ciclo riproduttivo, non danneggia lo svolgersi della gravidanza, non induce effetti nocivi sulla gestante, permette un normale travaglio e l'espletamento di parti eutocici, non comporta danni in zona peri e post-natale, non ha attività teratogena, non ha attività mutagena.


06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - Inizio Pagina

06.1 Eccipienti - Inizio Pagina

Lattosio, Polivinilpirrolidone, Sodiolaurilsolfato, Sorbitolo, Glicerina, P-idrossibenzoato di metile e di propile, Essenza albicocca, Acqua deionizzata.


06.2 Incompatibilità - Inizio Pagina

Nessuna.


06.3 Periodo di validità - Inizio Pagina

36  mesi in confezionamento integro.


06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - Inizio Pagina

Nessuna.


06.5 Natura e contenuto della confezione - Inizio Pagina

Astuccio da 10 flaconcini con tappo serbatoio


06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - Inizio Pagina

Nessuna specifica.


07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - Inizio Pagina

LA. FA. RE. Srl Laboratorio Farmaceutico Reggiano

Via Sacerdote Benedetto Cozzolino 77  80056 Ercolano  -  Napoli

OFFICINA DI PRODUZIONE

LA. FA. RE. Srl Laboratorio Farmaceutico Reggiano

Via Sacerdote Benedetto Cozzolino 77  80056 Ercolano  -  Napoli        


08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - Inizio Pagina

Flaconcini                           AIC n° 025651086


09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - Inizio Pagina

Flaconcini:                           Marzo 1989      


10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - Inizio Pagina

01/05/1995