Portale di Medicina e News sulle principali condizioni di malattia


HOME NEWS

NETWORK

BUGIARDINI

COMPRESI GENERICI

MONOGRAFIE

TORNA ALL'ELENCO NEWS PER QUESTA PATOLOGIA

Requires Acrobat Reader.

 

 

 

 L’acido folico migliora la funzione endoteliale nella coronaropatia con meccanismi indipendenti dalla riduzione dei livelli di omocisteina

L’omocisteina Ŕ un fattore di rischio per al coronaropatia, sebbene la relazione causale rimanga da essere provata .
Qualora venisse accertata questa associazione, il trattamento con acido folico ridurrebbe il rischio del 25%, oltre ad essere una terapia poco costosa.
E’ stato ipotizzato che il miglioramento avvenga mediante una riduzione nell’omocisteina totale o libera.
Uno studio randomizzato, controllato con placebo e somministrazione di acido folico (5 mg/die) Ŕ stato eseguito in 33 pazienti per 6 settimane.
La funzione endoteliale, valutata mediante dilatazione mediata dal flusso, Ŕ stata misurata prima e a 2 e 4 ore dopo la prima dose di acido folico, e dopo 6 settimane di trattamento.
Nella prima ora il folato plasmatico Ŕ aumentato in modo sensibile. La dilatazione flusso-mediata Ŕ migliorata a 2 ore ed a 4 ore era completa.
I valori dell’omocisteina totale non hanno presentato differenze significative. L’omocisteina libera non Ŕ risultata modificata a 3 ore, ma era leggermente ridotta a 4 ore.
Il miglioramento della dilatazione flusso-mediata non era associato alla riduzione dell’omocisteinemia totale o libera.
Questi dati indicano che l’acido folico migliora in acuto la funzione endoteliale nei soggetti coronaropatici con un meccanismo indipendente dai livelli di omocisteina.

Doshi SN et al, Circulation 2002; 105: 22-26






 

 
 
 
Google
 
Web carloanibaldi.com

 

 
Farmaci nell'Emergenza
 



 

Webmaster: Dott. Carlo Anibaldi