Portale di Medicina e News sulle principali condizioni di malattia


HOME NEWS

NETWORK

BUGIARDINI

COMPRESI GENERICI

MONOGRAFIE

TORNA ALL'ELENCO NEWS PER QUESTA PATOLOGIA

Requires Acrobat Reader.

 

 

 

 Acido urico sierico come un predittore indipendente di mortalitÓ nei pazienti con coronaropatia

Esiste controversia sul ruolo dell’acido urico come predittore indipendente di mortalitÓ nei pazienti con coronaropatia o come un marker indipendente di outcome avverso.
E’ stata studiata l’influenza dei livelli di acido urico sulla mortalitÓ nei pazienti con coronaropatia.
E’ stata eseguita la misurazione dei livelli di acido urico e rilevamento dei classici fattori di rischio al momento dell’arruolamento dei 1.017 pazienti con coronaropatia diagnosticata all’esame angiografico.
Il periodo medio di follow-up Ŕ stato di 2,2 anni (con un massimo di 2,1 anni).
L’endpoint dello studio era rappresentato dalla morte per tutte le cause.
Nei pazienti con coronaropatia con livelli di acido urico < 303 micromol/L ( 5,1 mg/dl) (quartile inferiore) rispetto a quelli con livelli di acido urico < 433 micromol/L (7,1 mg/dl) (quartile superiore), l’incidenza di mortalitÓ Ŕ aumentata dal 3,4% al 17,1% ( aumento di 5 volte).
Dopo aggiustamento per etÓ, entrambi i sessi hanno dimostrato un aumentato rischio di morte con livelli in crescita di acido urico (pazienti femmine: HR 1,30 , 95% CI 1,14 a 1,49 , P </=
All’analisi di regressione Cox multivariata gli elevati livelli di acido urico hanno dimostrato una relazione indipendente con la mortalitÓ totale (HR 1,23, 95% CI 1,11 a 1,36 , P < 0,001) nei pazienti con coronaropatia.

Bickel C et al, Am J Cardiology 2001; 89: 12-17




 

 
 
 
Google
 
Web carloanibaldi.com

 

 
Farmaci nell'Emergenza
 



 

Webmaster: Dott. Carlo Anibaldi